Sanificazione Farmacia

La Sanificazione della Farmacia è un procedimento necessario per poter ridurre notevolmente i rischi da contagio da Covid-19. In particolare, il Dpcm del 17 Maggio 2020 ed il decreto legge n.33/2020 dispongono la Sanificazione periodica dei locali.

Le Farmacie, luogo in cui si svolgono anche i tamponi, sono tenute a Sanificare gli ambienti il più possibile, adottando le linee guida dell’Istituto Superiore della Sanità e del Ministero della Salute, i quali suggeriscono l’utilizzo di:
– disinfettanti per uso ospedaliero;
– ipoclorito di sodio 0,1%;
– utilizzo di generatori professionali di ozono;
– utilizzo di sanificatori d’aria ad UV-C.

L’utilizzo dell’ozono per sanificare gli ambienti, è inoltre raccomandato su più fronti. Per esempio, anche l’Ordine dei Farmacisti di Bari, con un comunicato firmato dal Presidente, Sen. Dr. Luigi D’Ambrosio Lettieri, annovera l’ozono tra i metodi consigliati come da Dpcm.

Insieme all’ozono, gli UV-C sono annoverati dall’ISS tra i metodi più efficaci per ridurre virus, germi e batteri presenti nell’aria, per il 99.9%. Per questo motivo, i sanificatori d’aria ad UV-C possono essere integrati per ridurre la carica virale e garantire a dipendenti e clienti un’aria più salubre.

Sanificazione della Farmacia, il protocollo suggerito da Dual Trend

– Pulizie tradizionali e disinfezione con cadenza quotidiana;
– Disinfezione del bancone, delle porte, delle maniglie più volte al dì;
– Quotidianamente, alla chiusura: sanificazione di aria e superfici con un generatore di ozono professionale;
– Quotidianamente, durante tutto l’orario di apertura, utilizzo di un sanificatore d’aria ad UV-C

Sanificazione Farmacia

Oltre alla Sanificazione, le Farmacie, sono tenute a rispettare i seguenti punti:

  1. Predisporre adeguate informazioni sulle misure di prevenzione;
  2. Prevedere regole di accesso scaglionato, evitando così gli assembramenti. E’ inoltre necessario assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti.
  3. Garantire disponibilità e accessibilità a sistemi per l’igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche, promuovendone l’utilizzo frequente da parte dei clienti e degli operatori.
  4. I guanti “usa e getta” sono raccomandati nelle attività di acquisto.
  5. I clienti devono sempre indossare la mascherina, così come i lavoratori in tutte le occasioni di interazione con i clienti.
  6. Assicurare la pulizia la disinfezione quotidiana delle aree comuni, garantendo anche l’ igiene ambientale con frequenza di almeno due volte giorno ed in funzione dell’orario di apertura.
  7. Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni. Escludere il riciclo dell’aria se questa non è adeguatamente sanificata.
  8. La cassa deve essere dotata di barriere fisiche, oppure il personale deve utilizzare la mascherina ed avere il gel igienizzante per le mani sempre a disposizione. E’ necessario favorire le modalità di pagamento elettronico per ridurre lo scambio di contanti.
  9. Mantenere costantemente il distanziamento interpersonale di almeno un metro.

Misure di prevenzione igienico sanitarie raccomandate:

E’ raccomandata l’applicazione delle misure di prevenzione igienico sanitarie di seguito indicate:

  1. Lavarsi spesso le mani e mettere a disposizione soluzioni idroalcoliche apposite;
  2. Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
  3. Evitare abbracci e strette di mano;
  4. Mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro;
  5. Praticare l’igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto, evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
  6. Evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri;
  7. Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
  8. Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
  9. Non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
  10. Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
  11. Portare sempre con sé i dispositivi di protezione delle vie respiratorie. Le mascherine dovranno essere indossate non solo nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, ma più in generale nei luoghi al chiuso diversi abitazioni private e anche in tutti i luoghi all’aperto.