Milligraft

MILLIGRAFT

MilliGraft ® è il metodo brevettato, innovativo e mini-invasivo che permette di selezionare le cellule staminali mesenchimali (MSCa) dal tessuto adiposo del paziente. In questo modo, la medicina rigenerativa e la chirurgia plastica / ricostruttiva possono contare su una più veloce ed efficace rigenerazione dei tessuti, grazie alle proprietà delle cellule MSCa. Il tutto senza rischio di rigetto.

MilliGraft ® viene applicato anche in medicina estetica, poichè sono infiniti i trattamenti che si possono effettuare grazie ad una rigenerazione cellulare di questo tipo: dal ringiovanimento del volto con l’effetto lifting, al riempimento effetto botox.

MilliGraft ® ha infiniti campi d’azione: medicina generale, ortopedia, ginecologia, tricologia ed anche veterinaria.

Non vi è limite all’utilizzo medico del metodo MilliGraft®: si tratta di un sostegno importante alle procedure tradizionali. Sfrutta le importanti caratteristiche delle cellule staminali mesenchimali, è sicuro, veloce e mini-invasivo. Non necessita di centrifuga o altri apparecchi, nè di autorizzazioni speciali. E’ semplice da usare e indolore.

milligraft

Il grasso corporeo viene processato senza subire alterazioni e ridotto ad una micro sospensione immediatamente pronta per essere riposizionata sul tessuto danneggiato favorendone ed incoraggiandone la riparazione. In 2 ml di sospensione si trovano fino a 1.300.000 cellule vive.

Il metodo MilliGraft ® è racchiuso in un kit procedurale sterile monouso, che contiene tutto il necessario per il prelievo, la lavorazione e l’infusione della sospensione ottenuta attraverso la procedura mini-invasiva.

MilliGraft ® ha un costo estremamente contenuto, caratteristica che rende la procedura economicamente accessibile per qualsiasi paziente.

Il packaging è 100% green e sostenibile: ogni 5.000 kit risparmiamo almeno 2,0 kg di cellulosa. Ogni 10.000 kit risparmiamo il quantitativo di carta prodotta da un intero albero di medie dimensioni (di ca. 15 metri di altezza), contribuendo alla salvaguardia dell’ambiente (calcoli stimati sui dati forniti da WWF sulla produzione della carta).